Presentati dall’Agenzia Agorà 14 progetti all’Ufficio per il Servizio Civile Nazionale per l’annualità 2013-2014

Anche quest’anno, come avviene dal 2008, l’Agenzia Agorà ha presentato presso l’Ufficio per il Servizio Civile Nazionale 14 progetti per l’impiego di 398 volontari in servizio civile complessivamente. Il presidente, dott. Raffaele D’Elia, ringrazia l’intero staff dell’Agenzia Agorà, ovvero la dott.ssa Beatrice Verderosa, dott.ssa Melina Marena, dott.ssa Valentina Spiniello, dott.ssa Katia Corbisiero e la sig.ra Stefania Testa. Il lavoro di progettazione è confluito in 14 progetti accuratamente sviluppati a partire dall’analisi del contesto territoriale e sociale entro il quale si intende intervenire, ovvero alcuni territori delle regioni Campania, Molise e Calabria. «Il numero dei volontari selezionati complessivamente ha visto un progressivo incremento, passando da 122 a 174 in pochi anni – afferma il Presidente –. Quest’anno, poi, si punta a raggiungere un totale di circa 200 volontari, giovani dai 18 ai 29 anni a cui viene data la possibilità di impegnarsi in progetti che implicano non solo una crescita personale e professionale, ma che consentono a ciascuno di percepire un piccolo compenso espletando attività improntate alla solidarietà ed alla cooperazione. Siamo consapevoli che questo obiettivo è molto ambizioso, ma è anche realmente raggiungibile, se consideriamo i numeri relativi agli anni passati: attualmente contiamo su ben 233 sedi, di cui 161 sedi Agorà e 72 sedi in partenariato. Non dimentichiamo che ogni anno pervengono numerosissime domande di giovani che aspirano a diventare volontari in servizio civile, ma quelli selezionati sono circa 1 su 4. Ecco perché si punta a reclutare un numero sempre crescente di volontari.»

I progetti presentati riguardano i settori assistenza (anziani, diversamente abili, minori) e tutela ambientale, nei quali l’Agorà è particolarmente attiva.

Nel corso della conversazione, il Presidente ha fornito altresì le caratteristiche fondamentali dei progetti presentati quest’anno dall’Agenzia Agorà.

I progetti Arancio nascono dall’esigenza di potenziare i servizi forniti ai disabili sui territori in questione. I destinatari sono, dunque, i disabili residenti nei comuni interessati, di età compresa tra i 6 ed i 18 anni. I beneficiari, invece, sono, oltre ai disabili stessi, anche le loro famiglie, gli operatori sociali, gli enti coinvolti nell’assistenza e le intere comunità. L’obiettivo è favorire ed incrementare le

capacità di bambini e ragazzi diversamente abili, per consentire loro una piena realizzazione personale e culturale.

Arancio Campania. Il progetto ha i seguenti obiettivi specifici: attivare un servizio di informazione e orientamento ai diversamente abili verso i servizi presenti sul territorio di residenza; incrementare e potenziare servizi assistenziali rivolti alla popolazione disabile residente nei Comuni interessati; stimolare e rafforzare processi di integrazione della popolazione diversamente abile nella comunità di residenza; attivare un servizio di trasporto sociale e accompagnamento. A tal fine sono previsti, rispettivamente, i servizi di segretariato sociale, tutoraggio educativo, assistenza scolastica e sorveglianza davanti alle scuole, educativa territoriale, gruppi di auto-aiuto, trasporto sociale ed accompagnamento. Nello svolgimento di questi servizi saranno coinvolti globalmente 43 volontari in servizio civile, impegnati nei territori di Altavilla Irpina, Pratola Serra, Montefredane, Torrioni, Petruro Irpino, Rotondi, San Martino Valle Caudina, Grottolella, tutti comuni della Provincia di Avellino. Numerosi gli enti partner coinvolti, i quali sosterranno l’attuazione del progetto: Consorzio Pubblico di Servizi Sociali A4, Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di Italiani, Associazione di volontariato InsiemeMaxwork spa, gli istituti scolastici G. Pascoli di Rotondi, M.R. Imbriani di Roccabascerana, D. Lorenzo Milani di San Martino Valle Caudina, Caruso di Altavilla Irpina, C.A. Dalla Chiesa di Prata Principato Ultra, Struttura ricettiva e ristorazione La Collina srl, Associazione di volontariato ADC onlus, ANPAS Pubblica Assistenza Mirabella Eclano, Società DNA Elettronica.

Arancio Molise. Gli obiettivi specifici del progetto sono: potenziare e incrementare i servizi assistenziali rivolti alla popolazione disabile residente nel Comune, stimolare e accrescere nei partecipanti disabili i processi di integrazione nella comunità di residenza. Per il perseguimento di tali obiettivi, sono stati previsti, rispettivamente: assistenza scolastica, integrazione sociale, trasporto sociale, centri diurni socio-educativi. I volontari previsti per il progetto Arancio Molise sono 40 ed opereranno nel territorio di Campobasso. Gli enti partner a sostegno del progetto sono: Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di ItalianiETT srl, Legno Habitat snc, Comune di Campobasso, UNITALSI e Provincia di Campobasso, Cooperativa sociale Si può fare, Consorzio Utilità sociale, ACESVO – Centro Servizi Volontariato e Misericordia del Fortore, le Associazioni di volontariato Il nostro quartiere S. Giovanni e C.N.I.S., l’Associazione Vivi il tuo quartiere Colle dell’orso e l’Associazione di quartiere Campobasso Nord, ACESVO – Centro Servizi Volontariato e Misericordia del Fortore, gli Istituti scolastici F. D’Ovidio, III circolo didattico Giovanni Paolo III. Petrone, I circolo didattico E. D’Ovidio, IV circolo didattico, L. MontiniF. Jovine, II circolo didattico, G.A. Colozza, I. I. S. S. Pertini di Campobasso, I.I.S. G. Pittarelli di Campobasso.

I progetti Argento, invece, riguardano l’assistenza delle persone anziane residenti, ancora una volta, in alcuni comuni delle regioni Molise e Campania e nella regione Calabria. Tali progetti nascono dalla consapevolezza del progressivo invecchiamento della popolazione, cui consegue una necessaria presa in carico degli over 65 da parte delle famiglie, per le quali è necessario potenziare i servizi erogati sui rispettivi territori. Inoltre, forte è la convinzione che l’apporto alla società degli anziani sia un bene prezioso da coltivare e che bisogna, pertanto, favorire lo scambio inter-generazionale e l’integrazione nella società della popolazione over 65. Per questi motivi, i destinatari dei progetti Argento sono, dunque, gli anziani residenti nei comuni interessati, con limitata autonomia o condizioni precarie di salute; i beneficiari, di conseguenza, sono, oltre agli anziani, anche le loro famiglie, gli operatori sociali, le intere comunità di riferimento.

Argento Campania. Gli obiettivi specifici del progetto sono: informatizzare ed orientare all’offerta di servizi presenti sul territorio per gli over 65; potenziare l’accesso ai servizi assistenziali per anziani residenti nei Comuni oggetto di progettazione; incrementare e consolidare i processi di relazione sociale degli anziani attraverso servizi integrativi e assistenziali. Rispettivamente, per il raggiungimento degli obiettivi delineati, si prevedono le azioni di segretariato sociale, assistenza domiciliare, integrazione sociale (con trasporto sociale ed accompagnamento, centri diurni sociali/polifunzionali, cure termali), in cui saranno attivamente impegnati complessivamente 50 volontari, nei comuni di Avellino, San Nicola Baronia, Paternopoli, Monteforte Irpino, Sant’Angelo all’Esca e Taurano. Numerosi gli enti partner a supporto del progetto: ANPAS Pubblica Assistenza Mirabella Eclano, Centro monospecialistico Neuromed, Associazione di volontariato Amici dei bimbi – Pasquale, Thomas e Roy Pannisi, Associazione di promozione sociale In cuore in dono, Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di ItalianiMaxworkspa, Struttura ricettiva e ristorazione La Collina srl, Società DNA Elettronica.

Argento Molise. Diffondere sul territorio oggetto di progettazione sociale le informazioni relative all’offerta dei servizi per gli anziani e l’orientamento dell’utenza verso gli stessi, mediante segretariato sociale; incrementare e potenziare l’accesso ai servizi assistenziali rivolti agli over 65 residenti nei Comuni coinvolti nel progetto, mediante assistenza domiciliare; attivare, stimolare e consolidare i processi di integrazione sociale degli anziani nel tessuto sociale di riferimento attraverso servizi assistenziali, come l’integrazione sociale (trasporto sociale ed accompagnamento, centri diurni sociali/polifunzionali, cure termali) sono gli obiettivi specifici del progetto Argento Molise. I 42 volontari previsti per la realizzazione delle attività progettuali saranno attivamente impegnati nelle azioni descritte, operando sui territori della provincia di Campobasso ed Isernia ed in particolare presso le sedi di attuazione di progetto accreditate c/o l’UNSC: Baranello, Campomarino, Cercemaggiore, Gambatesa, Gildone, Jelsi, Ripalimosani, Sant’Angelo Limosano, Sant’Elia a Pianisi, Spinete, Agnone, Belmonte del Sannio, Colli a Volturno, Vastogirardi, Castellino del Biferno. Gli enti a sostegno del progetto sono: Agesci Colli a Volturno, Cooperativa sociale Si può fare, ACESVO – Centro Servizi di volontariato e Misericordia del Fortore, Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di ItalianiETT srl, Impresa A. Minieri spa, Legno Habitat snc, Ente profit Non solo filo di Cesare Angela.

Argento Calabria. Il progetto si propone di migliorare l’informazione e l’orientamento degli anziani verso i servizi presenti sul territorio di residenza, rafforzare e incrementare l’accesso ai servizi assistenziali rivolti alla popolazione over 65 residente nel Comune coinvolto, attivare e stimolare i processi di integrazione e socializzazione degli anziani nel tessuto sociale di riferimento, potenziare i servizi in termini di ore per raggiungere un maggior numero di anziani e garantire un’assistenza che migliori la qualità della loro vita. Le azioni previste a tal fine, mediante la collaborazione attiva di 4 volontari in servizio civile, sono il segretariato sociale, l’assistenza domiciliare, il trasporto sociale e l’accompagnamento, l’integrazione sociale, le cure termali, da svolgere a favore degli over 65 residenti nel Comune di Scigliano. Anche questo progetto è sostenuto da una rete di enti partner, ovvero: ANPAS Pubblica Assistenza Mirabella Eclano, Società cooperativa S3 onlus, Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di Italiani, Società DNA ElettronicaRoxi Bar sas, Emporio Arcuri sas.

Rientrante in altro settore, quello della salvaguardia, tutela e incremento del patrimonio forestale è il progetto Verde Molise, il cui obiettivo è proprio quello di valorizzare la qualità ambientale e forestale del territorio molisano, al fine non solo di aumentarne la conoscenza sistematica e favorire la diffusione di informazioni e la conservazione della memoria storica legata al verde, ma anche di migliorarne la fruizione da parte della popolazione. Infatti, per perseguire tale scopo sono stati delineati alcuni obiettivi specifici, che riguardano: il potenziamento e l’incremento del monitoraggio e del controllo del patrimonio forestale; la rilevazione dettagliata della presenza di beni ambientali o rurali di rilievo; il miglioramento della comunicazione relativa al patrimonio forestale. I 20 volontari previsti per la realizzazione delle attività progettuali saranno impegnati nelle azioni delineate per il conseguimento degli obiettivi, ovvero tutela, salvaguardia e conservazione del patrimonio boschivo e tratturale, promozione e messa in rete del patrimonio forestale nella sede Campobasso. I destinatari diretti del progetto sono i boschi ed i tratturi monitorati direttamente dai volontari in servizio civile; i beneficiari sono le popolazioni residenti nei territori coinvolti, le Comunità montane, gli enti molisani che si occupano di ambiente, gli internauti che visitano il sito dedicato alle attività del progetto. Gli enti sostenitori del progetto sono i seguenti: ARSIAM, Falco – Libera Associazione per la Tutela socio-ambientale, Confederazione Italiana degli Agricoltori, ACESVO – Centro servizi volontariato e Misericordia del Fortore, Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di ItalianiETT srl, Legno Habitat snc.

Pervinca Campania. Il progetto riguarda ancora il settore assistenza anziani e salute ed è rivolto ad anziani e fasce deboli della popolazione (disabili, invalidi, disoccupati) over 60 residenti o domiciliati nel territorio dei Comuni della Provincia di Avellino e di Benevento. I beneficiari del progetto, ancora una volta, non sono solo gli anziani, ma anche le loro famiglie, gli enti preposti a garantire l’assistenza sociale e sanitaria agli anziani, gli operatori e le comunità di riferimento. L’obiettivo generale del progetto è favorire, facilitare ed incrementare la fruizione dei servizi sociali e sanitari da parte dei destinatari del progetto, in particolare di coloro i quali si rivolgono all’azienda ospedaliera S.G. Moscati di Avellino e al Fatebenefratelli di Benevento, dal momento che, da un’analisi di contesto, è emerso che spesso la fascia di popolazione a cui è rivolto tale progetto ha difficoltà a fruire dei servizi previsti sia dalle aziende ospedaliere che dai servizi territoriali. Si intende perseguire gli obiettivi del progetto attraverso diverse azioni, ovvero analisi settoriale e promozione dei servizi, segretariato sociale, trasporto ed accompagnamento sociale, alle quali parteciperebbero attivamente 28 volontari in servizio civile operanti nei Comuni delle province di Avellino e Benevento. I partner concretamente impegnati alla realizzazione delle attività progettuali sono i seguenti: Consorzio Pubblico di Servizi Sociali A4, Associazione di volontariato ADC onlus, Struttura ricettiva e ristorazione La Collina srl, Società DNA Elettronica, Associazione di promozione sociale Un cuore in dono, Azienda Ospedaliera S. Giuseppe MoscatiANPAS Pubblica Assistenza Mirabella Eclano, Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di Italiani, Provincia Religiosa di S. Pietro dell’ordine ospedaliero S. Giovanni Di Dio titolare dell’Ospedale Sacro Cuore di Gesù.

Avion Benevento. Anche questo progetto è rivolto agli anziani ed a persone affette da moderati deficit sensoriali o cognitivi, al fine di migliorare le loro condizioni di vita attraverso il sostegno attivo di 8 volontari impegnati, dopo il loro avvio, cioè l’inserimento all’interno dell’organizzazione, e la loro formazione, in attività di promozione e sensibilizzazione. Gli enti a sostegno del progetto sono l’ANPAS Pubblica Assistenza di Mirabella Eclano, il Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di Italiani, la Società DNA Elettronica, Struttura ricettiva e ristorazione La Collina srl, il Me.Se.F. srl.

Sono stati presentati dall’Agenzia Agorà anche 3 progetti denominati Lilla, riguardanti sempre il settore assistenza, ma destinati a diversi territori.

Lilla Quadrelle. È rivolto ad anziani e disabili residenti, appunto, nel Comune di Quadrelle, con l’obiettivo di migliorare l’assistenza a questa fascia debole della popolazione e promuovere lo scambio intergenerazionale, attraverso azioni di assistenza domiciliare e servizi di prossimità, per le quali sono previsti 20 volontari in servizio civile. Gli enti partner sono i seguenti: Comune di Quadrelle, Struttura ricettiva e ristorazione La Collina srl, ANPAS Pubblica Assistenza Mirabella Eclano, Società DNA Elettronica, Giornale telematico e cartaceo Agenzia di Comunicazione Un Mondo di Italiani.

Lilla San Martino Sannita. È rivolto agli anziani, ai disabili ed ai minori tra i 5 ed i 18 anni con problemi relazionali, di socializzazione e comportamentali, a rischio di devianza, residenti nell’omonimo comune. I beneficiari del progetto saranno le famiglie dei destinatari ed i distretti sociali. Si prevede anche un’area di promozione culturale attraverso la fruizione della biblioteca da parte di giovani e anziani del territorio. Infatti, le azioni previste, a cui parteciperanno 16 volontari, sono l’accoglienza e l’inserimento dei volontari, la formazione, l’assistenza anziani e disabili, l’assistenza minori e la promozione culturale. Il partner del progetto è il Comune di San Martino Sannita.

Lilla Benevento. È un progetto volto a migliorare le condizioni di vita di anziani e disabili, che spesso si ritrovano in difficoltà anche nei più semplici compiti quotidiani. Infatti, i destinatari del progetto sono proprio anziani e disabili residenti nel comune di Benevento, che saranno supportati da 8 volontari i quali, in seguito ad avvio, accoglienza, inserimento e formazione, saranno impegnati nell’azione Pony Express, che prevede ritiro delle ricette, disbrigo pratiche e spesa a domicilio.

I progetti Azzurro, poi, riguardano l’assistenza minori.

Azzurro Molise. È rivolto a minori tra i 6 ed i 16 anni, residenti nei Comuni di Baranello, Campomarino, Castellino del Biferno, Cercemaggiore, Gambatesa, Gildone, Jelsi, Ripalimosani, Sant’Angelo Limosano, Sant’Elia a Pianisi e Spinete per la provincia di Campobasso; Agnone, Colli a Volturno, Vastogirardi, Belmonte del Sannio per la provincia di Isernia, con ritardo scolastico, disagi socio-psicologici, problemi familiari e, dunque, a rischio. Il progetto intende migliorare la qualità dei servizi per minori presenti nei Comuni di riferimento, favorire l’integrazione e la socializzazione del minore nella comunità di appartenenza ed educare i giovani volontari alla cittadinanza attiva. Più in particolare, il progetto persegue degli obiettivi specifici, cioè: migliorare l’informazione, l’orientamento e l’accesso ai servizi offerti ai minori e alle famiglie; prevenire i disagi e le difficoltà cui vanno incontro famiglie e minori per mancanza o scarsità di risorse, materiali e non, a loro disposizione; sostenere i genitori nell’attività post-scolastica del minore. Le attività previste, in cui saranno impegnati 44 volontari, sono il segretariato sociale, il servizio di trasporto e accompagnamento, l’assistenza specialistica in campo educativo e l’attività domiciliare e di integrazione con il territorio.

Azzurro Campania. Il progetto è rivolto, ancora una volta, ai minori tra i 6 ed i 16 anni, ma con carenze cognitive o immigrati, residenti nei Comuni di Avellino, Mirabella Eclano, Monteforte Irpino, Paternopoli, San Nicola Baronia, Sant’Angelo all’Esca, Taurano. L’obiettivo è favorire l’integrazione del minore nella comunità di appartenenza, incrementando e migliorando la qualità dei servizi offerti nei Comuni coinvolti. In particolare, si intende supportare il minore nel suo percorso educativo e cognitivo negli orari extrascolastici, attraverso l’assistenza domiciliare; incrementare la consapevolezza, migliorando l’orientamento, l’informazione e l’accesso ai servizi presenti sul territorio, attraverso segretariato sociale e raccolta dati. I 40 volontari richiesti saranno impegnati nelle suddette azioni.

Turchese. Rientrando nel settore assistenza ed animazione anziani, il progetto è rivolto agli anziani residenti nel Comune di Bojano, dove opereranno i 30 volontari previsti, al fine di garantire l’aiuto alle fasce deboli della popolazione. In particolare, si intende perseguire tale obiettivo attraverso il potenziamento delle attività di animazione per anziani e la realizzazione di attività di integrazione e coordinamento di associazioni e territorio, di comunicazione e di segretariato sociale.

Tutti i progetti presentati, riassumendo, hanno un duplice scopo: da un lato, quello di portare un concreto sostegno alle fasce più deboli della popolazione (anziani, diversamente abili, minori) nonché promuovere la tutela dell’ambiente e del territorio; dall’altro, quello di favorire lo sviluppo di una coscienza civica nei giovani volontari, affinché non solo facciano proprio il valore della cittadinanza attiva, promuovendola, ma sappiano anche farsi portatori di valori fondamentali per le popolazioni civili e democratiche, come la solidarietà, la cooperazione, la coesione, in virtù della difesa della Patria attraverso mezzi non violenti, scopo questo, del Servizio Civile.

L’Agenzia, concludendo, resta in attesa dell’esito della valutazione dei progetti, sperando che, come per gli anni precedenti, questi siano approvati, per contribuire concretamente alla realizzazione delle attività previste e per dare l’opportunità a tanti giovani di fare tesoro di un’esperienza di vita indimenticabile come il Servizio Civile.